Blog

1° Convegno OAM: “Agenti e Mediatori: più qualità nell’interesse di tutti”

CONVEGNO_OAM.Immagine001

Tavola Rotonda al 1° Convegno OAM – 4 novembre 2014

Il 4 novembre si è tenuto a Roma il primo convegno dell’OAM – l’Organismo degli Agenti e dei Mediatori, dal titolo “Agenti e mediatori: più qualità nell’interesse di tutti”.

Al Convegno erano presenti le figure di vertice dell’Organismo di Vigilanza del settore dei professionisti del credito al consumo e, in particolare, il Presidente, Maurizio Manetti che ha introdotto i lavori e il Direttore Generale, Federico Luchetti, che ha coordinato gli interventi dei relatori del Convegno.

Nella mattinata sono intervenuti il dott. Giuseppe Maresca, Dirigente del Ministero dell’Economia e delle Finanze, Direzione V -Prevenzione dell’Utilizzo del Sistema Finanziario per Fini Illegali, che ha tracciato una panoramica dell’evoluzione recente del sistema finanziario e dei sistemi di trasferimento del denaro, alla luce delle direttive europee in materia di antiriciclaggio, di sistemi di pagamento nonché della direttiva, in corso di emanazione, sul credito ipotecario, che introdurrà importanti novità tra cui quella del plurimandato e la nuova disciplina sui segnalatori.

Il dott. Roberto Parmeggiani della Banca d’Italia ha poi tracciato un excursus dettagliato sul nuovo modello di vigilanza introdotto in Italia con la creazione dell’OAM, con il quale per la prima volta vengono affidati compiti di vigilanza su operatori del credito ad un organismo di diritto privato, a sua volta però vigilato e sottoposto al controllo della Banca d’Italia.

Il quadro normativo italiano ed europeo in materia di antiriciclaggio ed autoriciclaggio e le relative competenze di indagine e di repressione degli illeciti sono state oggetto dell’intervento del Comandante Saverio Angiulli, del Nucleo Speciale di Polizia Valutaria della Guardia di Finanza.

La rilevanza giuridica del ruolo di consulenza svolto dagli intermediari nel quadro della normativa del Testo Unico Finanziario e del Testo Unico Bancario, nonché della direttiva MIFID II e dell’emananda direttiva sul credito ipotecario sono stati l’oggetto dell’intervento del Prof. Raffaele Lener, docente di Diritto dei Mercati Finanziari, il quale ha sottolineato l’importanza di tale ruolo per gli intermediari creditizi che non svolgono soltanto un ruolo di meri “venditori” di prodotti finanziari, ma sono chiamati sempre di più a verificare l’adeguatezza dei prodotti stessi alla situazione del cliente.

L’inquadramento dell’OAM e della sua attività normativa e di vigilanza del settore nel quadro dell’ordinamento giuridico italiano,  sono stati esaminati infine dalla Prof.ssa Luisa Torchia, docente di Diritto Amministrativo che ha rilevato, tra l’altro, come l’attività di regolamentazione posta in essere dall’OAM abbia bisogno della preventiva procedura di consultazione pubblica per acquisire forza cogente, essendo l’OAM un organismo di vigilanza su un settore di interesse pubblico ma di matrice privatistica.

Il Convegno è poi proseguito con una tavola rotonda alla quale hanno preso parte esponenti di tutti i comparti della filiera del credito, durante la quale è stato affrontato lo spinoso e attuale argomento del contrasto all’abusivismo nelle professioni legate alla intermediazione nel credito.

L’auspicio finale di tutti i partecipanti è stato quello di cercare elementi comuni di collaborazione nell’interesse dei consumatori e degli operatori del settore.

Avv. Lucilla Romaniello